Ripristino dei database

Quando un database del programma viene danneggiato il programma segnala il problema alla partenza. Il database si è corrotto probabilmente perché qualcuno ci ha lavorato o ha aperto il programma mentre era in funzione l'aggiornamento. Ci possono essere degli altri motivi ma sempre riconducibili ad un accesso contemporaneo ma non con le modalità di condivisione standard. Tenete presente che la corruzione del database può avvenire nel caso di un utilizzo tramite Dropbox, OneDrive, Google Drive o servizi simili. Per questa ragione sconsigliamo assolutamente questa modalità d'utilizzo.

In questo caso bisogna ripristinare un database precedente. Se avete un precedente salvataggio fatto con l'omonima funzione del programma allora lo potete ripristinare seguendo le indicazione della guida:

http://www.datos.it/help/comesipossoripristinareidatisalvatidelprogramma.htm

Nel caso invece avete salvato l'intera cartella del programma allora vi basterà ricopiare il database danneggiato, che compare nel messaggio d'errore, nella cartella del programma.

Se invece non avete mai fatto un salvataggio allora potete cercare i nostri salvataggi "interni" nelle cartelle "salvataggio-pre-aggiornamento" e "salvataggio-giornaliero":

19-02-2019_09-34-20.png

All'interno troverete la versione più recente senza alcun prefisso, le versioni precedente hanno i prefissi B1, B2 fino a B10.

19-02-2019_09-36-38.png

Visto che il database ripristinato potrebbe non corrispondere alla stessa versione del programma, cioè non allineato come struttura a quanto si aspetta il programma, allora consigliamo di aggiornare il programma (senza aprirlo!) utilizzando il seguente link per scaricare e avviare l'installatore:

http://www.datos.it/tmp/agg-gaa.exe

Ovviamente se alla riapertura del programma, dopo aver seguito la procedura scrupolosamente, riporta lo stesso errore allora dovete ripristinare una versione precedente del salvataggio perché vuol dire che anche quella ripristinata era danneggiata.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.
Powered by Zendesk